Nel 2004, abbiamo abbracciato look da succinti a primitivi, da morbidi e fluenti a duri e taglienti. La moda, a quanto pare, era divisa come il paese durante le elezioni presidenziali.

Se la moda rispecchia il nostro clima culturale catturando nozioni di status, ribellione e conformità, cosa hanno detto di noi i look del 2004?

L’anno scorso abbiamo continuato la nostra ossessione per la chirurgia plastica. I reality show di successo hanno presentato donne – e alcuni uomini – che modificano la loro pelle naturale in forme ideali percepite per mezzo di silicone, lavori al naso o succhiando il grasso dai loro fianchi e iniettandolo di nuovo nelle loro labbra per raggiungere il corpo perfetto. Nel frattempo, gli alimenti biologici e i prodotti di bellezza naturali hanno avuto un enorme impatto sul mercato.

Quando il diritto al matrimonio gay ha spaccato la nazione da entrambe le parti, “Queer Eye for the Straight Guy” ha fatto sì che l’uomo in carne ed ossa prendesse in considerazione la possibilità di depilarsi le sopracciglia o di scambiare le sue mutandine con un paio di boxer di Calvin Klein.

Un ornamento precedentemente oscuro S&M conosciuto come paracapezzoli è diventato parte del lessico americano quando il malfunzionamento del guardaroba di Janet Jackson ha avuto luogo durante l’intervallo del Super Bowl.

Al tempo stesso, le pop star che si sono ritagliate la fama con l’aiuto di innies e outies esposti, hanno recentemente scambiato i loro ombelichi per abiti che coprono il pavimento (Christina Aguilera) e grossi stivali Ugg foderati di pelliccia (Britney Spears).

Queste e altre dichiarazioni di moda o dichiarazioni errate, a seconda dei casi, ci hanno fatto dare un’occhiata a noi stessi, spingendo tutto da dibattiti etici, politica pubblica, e anche una risata o due.

Ecco uno sguardo indietro.

Shelley Preston può essere raggiunto al 863-802-7517 o [email protected] theledger.com.

Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.